Premio Nobel per la Fisica

Premio Nobel per la fisica

Ogni anno il Premio Nobel dà visibilità alle menti più fervide, innovative e rivoluzionarie per il progresso, tali da aver dato un contributo inestimabile all’umanità.

Tra i tanti nomi premiati nelle diverse categorie, non mancano i riconoscimenti per i pensatori italiani. Nel 2021 il Nobel per la fisica è toccato a il sesto vincitore italiano del Nobel per la Fisica e pioniere della ricerca.

Nobel 2021: l’apporto di Parisi alla fisica

Parisi ha diviso il premio con i ricercatori Syukuro Manabe e a Klaus Hasselmann, che hanno avuto il riconoscimento per le loro ricerche su modelli climatici e il riscaldamento globale.

Il fisico teorico romano, di 73 anni, “per la scoperta dell’interazione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici, dalla scala atomica a quella planetaria”.

A partire dagli anni Ottanta, Parisi ha avviato una serie di studi diventati fondamentali nello studio della teoria dei sistemi complessi. Su tutti, fu lui a scoprire i modelli nascosti in materiali complessi disordinati, la cui teoria ha permesso di capire e descrivere materiali e fenomeni diversi e, apparentemente, del tutto casuali.

Alla luce del surriscaldamento globale, le sue scoperte hanno dimostrato che i cambiamenti climatici hanno solide basi scientifiche.

Giorgio Parisi è particolarmente noto per il suo lavoro sui vetri di spin e sui relativi modelli di meccanica statistica originati dalla teoria dell’ottimizzazione e dalla biologia. In particolare, ha dato contributi significativi in ​​termini di applicazioni sistematiche del metodo di replica a sistemi disordinati, anche se il metodo di replica stesso è stato originariamente scoperto nel 1971 da Sir Sam Edwards.

Chi è Giorgio Parisi?

Giorgio Parisi si è laureato all’Università di Roma La Sapienza nel 1970 sotto la supervisione di Nicola Cabibbo.

È stato ricercatore presso i Laboratori Nazionali di Frascati (1971-1981) e visiting scientist presso la Columbia University (1973-1974), l’Institut des Hautes Études Scientifiques (1976-1977) e l’École Normale Supérieure (1977-1978).

Dal 1981 al 1992 è stato professore ordinario di Fisica Teorica presso l’ Università di Roma Tor Vergata ed è ora professore di Teorie Quantistiche presso l’Università La Sapienza di Roma. Dal 2018 al 2021 è stato presidente dell’Accademia dei Lincei.

Molti premi hanno coronato la sua prolifica carriera. Tra i tanti la Medaglia Boltzmann, nel 1992, per i suoi contributi fondamentali alla fisica statistica, e in particolare per la sua soluzione della teoria del campo medio dei vetri di spin; il premio Enrico Fermi nel 2002 per i suoi contributi alla teoria dei campi e alla meccanica statistica, e in particolare per i suoi risultati fondamentali riguardanti le proprietà statistiche dei sistemi disordinati, come anche il premio Dannie Heineman per la fisica matematica nel 2005.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli interessanti